Dove nascono i Deliziorti

Slider2

Terreni baciati dal
sole di Sicilia

Slider1

Rispetto
dell'ambiente

chi-siamo1

Coltivazioni biologiche e integrate

chi-siamo3

Tecniche innovative ed ecosostenibili

Le ultime news Deliziorti

Alcuni dei nostri prodotti

Pomodorino Cherry Lemon
+
Pomodorino rosso Delirio
+
Pomodorino nero Dolcenero
+
Pomodorino verde Dulcemiel
+
Pomodorino arancione Goloso
+

Alcune delle nostre ricette

Parmigiana

parmigiana

Tagliare le melanzane a fette di circa due centimetri e metterle a scolare sotto sale finchè perdono l’acqua.
Friggetele in olio profondo, finchè son dorate, e mettetele ad asciugare sulla carta assorbente. Nel frattempo preparare una salsa densa di pomodoro, con un pezzo di cipolla intera che poi va tolta.
A questo punto si procede facendo degli strati, alternando melanzane, qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro senza inondare, basilico fresco spezzettato a mano, pecorino romano grattugiato, mortadella e provola a fette.
Possono essere consumate sia fredde che calde.

Pomodori rossi ripieni

pomodori-rossi-ripieni

Il primo passo è tagliare la parte superiore del pomodoro, in modo da formare un cappello utile per un’eventuale decorazione finale, e di svuotarlo delicatamente in modo da non forarlo.
Lasciare sgocciolare il pomodoro così scavato in un piatto inclinato. Mettere in una ciotola il contenuto del pomodoro e unirvi il tonno sgocciolato e sbriciolato.
Tritare l’aglio fresco o il cipollotto, a seconda dei gusti, e il prezzemolo.
Unire il tutto al pomodoro e al tonno, un pizzico di sale e un filo d’olio extravergine d’oliva o di semi, per una versione più leggera qualora il composto non fosse compatto ma si sbriciolasse.
Rendere omogeneo il tutto, quindi riempire i pomodori.

Paccheri alle Zucchine

paccheri

In una larga padella soffriggere delicatamente lo scalogno affettato finemente con l’olio. Tritare nel mixer il fondo di prosciutto crudo avendo cura di eliminare la parte grassa. Il trito deve risultare piuttosto grossolano, come un ragù di carne. Aggiungere il trito di prosciutto nella padella con l’olio e lo scalogno. Attenzione alla cottura del prosciutto. Se lo fate cuocere troppo poi risulterà duro. Meglio aggiungerlo nella padella quando i paccheri sono già circa a metà cottura. Sfumate con un po’ di vino bianco e aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta, per rendere il ragù meno asciutto.
Scolare la pasta al dente e saltarla in padella aggiungendo all’ultimo le Crudelle semplicemente grattuggiate con la grattuggia dalla parte dei buchi grandi. Mescolare e impiattare cospargendo poi il piatto con un altro po’ di Crudelle grattate e un giro di olio a piacere.